C’era una volta

in un paese lontano lontano, un piccolo principe che pensava solo al proprio interesse invece che a quello dei suoi sudditi. Nel giro di poco tempo il piccolo principe riuscì a far entrare a corte tutte le persone che lo potevano aiutarlo ad arricchirsi, facendo sì che queste venissero pagate coi denari del regno, per poi passare all’incasso e trovarsi così il suo forziere sempre più pieno. Anche i familiari del piccolo principe facevano fortuna, chi pagato per incarichi senza alcuna utilità, chi invece avendo vantaggi dal semplice fatto d’esser tutti i giorni a corte.
In quel regno nessuno diceva nulla contro il piccolo principe, perchè tutti speravano d’entrare nelle sue grazie e potersi così arricchire anche loro, pur sapendo che gli sarebbero toccate solo le briciole. I pochi che osavano criticare il piccolo principe venivano emarginati e derisi, tanto che l’onestà non fu più una virtù, ma un peccato capitale.

Un giorno andò da lui un ricco artigiano che voleva ingrandire la propria bottega, ma non poteva farlo perchè questa era circondata da terreni del regno, che solo il principe poteva vendergli.
– Principe ti prego ho bisogno di quella terra e solo tu puoi darmela, La pagherò quel che costa e dopo vi farò costruire una nuova bottega dal mio carpentiere.
– Io ho un’idea migliore, ti venderò la terra per un pezzo di pane, ma poi chiamerai un carpentiere amico mio, che pagherai più del dovuto. Alla fine dei conti a te la bottega costerà la stessa cifra, ma io avrò fatto un piacere ad un amico.
– Ma così sarà il popolo a pagarmi la bottega !
– E’ vero ma dimmi ma tu vuoi la bottega sì o no ? Quindi accetti la mia proposta ?
– Va bene principe come vuoi tu.
E vissero tutti felici e contenti con le propri ori ben nascosti agli occhi degli altri.

Questa OVVIAMENTE è una storia di PURA FANTASIA, che racconta di fatti di fatti che NON POSSONO SUCCEDERE nella realtà.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a C’era una volta

  1. La voce di Colledara ha detto:

    Più che piccolo principe grande pezzo di merda e complimenti per non aver fatto nessun nome tanto si sanno senza neanche usare troppo la fantasia.

  2. Il Marchese del Grillo ha detto:

    Ahhhhh il predicare bene e il razzolare male !
    A buon intenditore poche parole , giusto Vincent?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...