Di male in peggio

Qualche tempo fa quest’amministrazione ebbe la ‘brillante’ idea di fare “Ortincentro” o qualcosa del genere.
Per chi non se lo ricordasse si trattava di far nascere vicino all’utilissimo museo delle arti contadine, dei piccoli orti comuni dei quali nessuno sentiva la necessità. Poi ci sono stati alcuni terremoti, il museo non è mai nato e con lui sono morti anche gli orti comuni.

Oggi c’è il progetto “Wake Up Camp”.
Per fare prima faccio un copia-incolla da Fb così tutti capiscono di che si tratta.
“Wake Up Camp vuole essere il primo campeggio ecosostenibile ad impatto zero della Regione Abruzzo gestito tramite una costituenda cooperativa di comunità che ricostruisca delle relazioni sociali e culturali intorno alla gestione e alla valorizzazione della Riserva Naturale” Fiume Fiumetto” nel Comune di Colledara. Invertire il processo decisionale e partecipativo tramite il coinvolgimento dell’intera comunità per garantire la tutela e il rilancio di una delle prime riserve regionali investendo su una proposta di turismo responsabile ed ecosostenibile.”
Ovvio che per andare a fare campeggio a Castiglione ci vuole una strada, che costa ‘solo’ un milioncino e mezzo più gli spiccioli, però dopo tutti in tenda a Castiglione anche se non c’è più la sagra del puttanone.
Personalmente non avrei nulla contro quest’idea, solo mi chiedo è davvero una priorità ?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

17 risposte a Di male in peggio

  1. Orzowei ha detto:

    Le priorità vengono decise dall’Amministrazione: devono essere i cittadini,tramite il loro voto,a giudicare se sono giuste o sbagliate.
    Qualche tempo addietro ho alloggiato a Sexantio ed ho parlato di Castiglione della Valle al titolare dell’albergo diffuso: rimase colpito dall’idea di avere un borgo completamente “isolato dal mondo”. Mi disse che avrebbe fatto delle ricerche, soprattutto per capire la viabilità e la possibilità di comprare la quasi totalità delle case di Castiglione. Il campeggio ecosostenibile non è una cattiva idea; io credo però che sia albergo diffuso,sia campeggio e sia altra struttura ricettiva, debba essere inserita all’interno di un progetto che contenga attività a supporto di queste strutture : dobbiamo creare un circuito turistico fatto di escursioni, visite guidate a chiese e musei presenti nel territorio, percorsi del gusto,ecc…altrimenti non credo che l’idea funzioni. Che bello associare citazioni e foto ossimorose!!!!

  2. VIVA I FALSONI DI COLLEDARA ha detto:

    Io sono dell’ opinione che ci vuole coerenza nella vita. Ho notato ed ho avuto la conferma che ci sono molte persone che fanno le doppie facce, buon viso e cattivo gioco, chi ti si schiera contro e poi ti elogia, chi ti pugnala dietro e poi ti fa l’amico, non è questa la Colledara che vogliamo. Ps. Ogni riferimento è puramente casuale e verificato. Il mondo è bello perché è vario. Fate ridere.

  3. SEXANTIO ha detto:

    A proposito di chi doveva promuovere il territorio:
    LA PROLOCO ESISTE ANCORA?
    Visto le attuali condizioni perché non vi dimettete , che senso ha rimanere in carica?
    Si parla anche di DEBITI fatti dall’attuale direttivo , e’ vero?

    • Ilmigrante ha detto:

      La Pro-loco Colledara esiste anche perchè nessuno ha ‘voglia’ di scioglierla.
      Di fatto al momento secondo me è più un ‘nome’ che un’associazione funzionante, infatti se guardi su FB non c’è un post da Marzo, quando tanto per cambiare celebravano Fedele Romani.
      Il problema di base è che questa Pro-loco, come del resto molte sue simili, sono anni che è ferma non avendo più contributi pubblici a go-go, come quelli che portava la sagra del puttanone. Fra l’altro si dice che nonostante quella pioggia di denaro pubblico, i conti dell’associazione fossero lo stesso in rosso, e pare che questa non sia solo una diceria di paese.

      • SEXANTIO ha detto:

        Quella PROLOCO , quella manifestazione , fatta si con soldi pubblici era comunque un gran bella cosa , onore a chi la organizzava e comunque aggregava tutto il comune , partecipavano attivamente tanti colledaresi ,tanti pettinari e tanti ornanesi …….questa di fatto non è riuscita ad aggregare nessuno , specchio di chi in modo smanioso all’indomani di un insuccesso elettorale si propose per la gestione dell’associazione , cercando di colmare quella delusione e nient’altro , basta vedere i componenti del direttivo …….. buon Natale

        • Ilmigrante ha detto:

          Premesso che Ornano e Villa Petto hanno le loro Pro-loco, che secondo me sono del tutto inutili, “quella” Pro-loco mi ricorda tanto il detto “Siamo tutti gay col sedere degli altri”, nel senso che fare manifestazioni “pagate” non è poi così difficile, casomai è da chiedersi come mai riuscissero nonostante sovvenzioni e lavoro volontario, ad esser sempre in passivo.
          Quando Eugenio mi disse di voler prendere in mano la Pro-loco gli risposi che andava incontro ad un fallimenti quasi dichiarato, ma del resto era facile fare questa previsione.
          Non tanto per lui e alcune persone del direttivo, quanto per la ‘nomea’ di quell’associazione, per tanti legata solamente alla sagra del puttanone, sprechi compresi.

        • Orzowei ha detto:

          Credo che per organizzare eventi e manifestazioni, oltre ai soldi servono anche un gruppo cospicuo di persone volenterose che riescano a dividersi le tante incombenze che ci sono: la nuova Pro Loco non è riuscita a coinvolgere (errori ne sono stati fatti) mentre per esempio la Riscossa si: i ragazzi sono stati bravi e fortunati e speriamo rimangano in auge per tanto anni!

          • Ilmigrante ha detto:

            Per organizzare eventi serve solo la volontà di farlo, altrimenti l’ex Araba non avrebbe mai fatto nulla visto che di soldi in cassa erano davvero pochi.
            Il ricordo della ‘spesa’ fatta con Simone per la serata in onore di Ivan Graziani, con lui schiacciato fra fusti di birra e scatoloni vari per tutto il viaggio di ritorno, è uno di quelli che non dimenticherò mai, proprio perchè quell’evento nacque per dimostrare che non c’era bisogno dei soldi del comune, ma di persone che si mettessero a servizio dell’associazione senza vedere se ci rimettevano 5 euro.

  4. IL DESTINO ha detto:

    LU MAGNA MAGNA DE LI QUAQQUARAQQUA HA FINIT. ORA TUTTI CON I MUSI LUNGHI VANNO IN GIRO. QUAQUAQUAQUA SCIAQQUAQQUA… TUTTE LE DONCELLE FEDELI ALLA RELIGIONE CRISTIANA ORA NON VANNO PIÙ A MESSA!!! PERCHÉ???? PERCHÉ IL FORTUNATAMENTE VECCHIO PRETE ALLOGGIA ANCORA NEL NOSTRO COMUNE SENZA PAGARE LE TASSE COME NOI CITTADINI PAGHIAMO??? ESPRIMO LA MIA MASSIMA SOLIDARIETÀ PER IL GENOVESE CHE SI TROVA AD AVERE A CHE FARE CON DELLE PERSONE CHE PREDICANO BENE E ROZZICANO MALE……;

  5. IL DESTINO ha detto:

    SCUSATE PER IL ROZZICANO MA CI SIAMO CAPITI

  6. Orzowei ha detto:

    …… auguri di buon natale a tutti, soprattutto a quelli più bisognosi, cioè che hanno usato questa piazza virtuale per insultare le persone, visto che non ne erano capaci ‘visu’!!!

  7. SEXANTIO ha detto:

    Ma si e’ Natale la festa dell’ipocrita …….quindi auguri a tutti e sopratutto a coloro che pur celandosi dietro un nick anonimo pensano di poter dare lezione di coraggio e moralità ma che hanno il visu’ come il culo ……. praticamente auguri all’uomo x, neutro

  8. Buon Anno ha detto:

    Qualcuno non si è accorto che una è un trans. Pare che qualcosina gli pende sotto. E tu migrante ti sei messo il perizomino rosso a capodanno?

  9. SEXANTIO ha detto:

    la donna procrea , la femmina eccita …………. pure fosse una trans , chi è piu femmina lei o tua moglie …… bigotto. Buon Anno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...