Un nuovo programma

Colledara sta diventando il paese delle ‘opere incompiute’, per esempio c’è un terminal per le corriere fatto e finito, ma non operativo e non si sa quando lo diventerà. In campagna elettorale l’attuale amministrazione ha parlato di una nuova scuola media, i cui lavori dovevano iniziare non appena fosse finito l’anno scolastico, lavori che ovviamente non sono mai partiti. La situazione dei cimiteri, al di la delle operazioni di facciata per i primi di novembre, è a dir poco irrispettosa verso chi è sepolto e chi va a pregare i suoi defunti.
La crisi del prosciuttificio non è mai stata affrontata pubblicamente, non che creda che l’intervento della politica serva più di tanto, ma l’amministrazione aveva il dovere di metterci la faccia per tutelare il posto di lavoro di chi lo sta perdendo.
Castiglione della Valle è sempre li, come a ricordarci che il tempo passa così come i progetti di ricostruzione, i quali sono sempre un bel sogno fra l’altro senza un dopo, nel senso che nessuno ha mai detto cosa ci vuole fare una volta fatto rinascere il borgo.
In televisione parlano della rivoluzione della connettività di quinta generazione, e in paese non c’è neanche una linea ADSL degna di questo nome, certo c’è un cavo che dovrebbe portare la mirabolante fibra ottica, ma nessuno si ci può collegare, e non si sa neppure quando ciò potrà accadere.
Personalmente ricordo benissimo quando solo cinque anni fa qualcuno poi eletto fece un gran bel discorso contro i contributi che definì ‘scandalosi’, dati ai maestri della porchetta, che oggi li ricevono insieme ad altri per andare a vendere un panino a Milano.
Ricordo anche di quando solo pochi mesi fa nella palestra del comune, l’attuale sindaco parlò di trasparenza dell’amministrazione, quando oggi i consigli non sono neanche più ripresi, anche se visto l’ultimo non è che ci sia molto da vedere.
Ci sarebbe infine da fare un discorso di presenza, e non solo del primo cittadino o del suo vice, ma di tutti gli impiegati comunali che chi lavora può incontrare solo il sabato, quando guarda caso non c’è nessuno o quasi.

Ovviamente non è tutta colpa del sindaco e dei consiglieri di maggioranza, e poco importa se di alcuni conosco il tono della voce solo perchè dicono “presente” prima di ogni consiglio comunale.
La colpa è anche e soprattutto di tutti noi.
La colpa è di chi aspetta che si faccia avanti un altro per paura d’esporsi, di chi va in comune col cappello in mano a chiedere il ‘piacere’, di chi butta la spazzatura nei fossi perchè così si crede più furbo degli altri. La colpa è di chi non partecipa alla vita politica del paese diventando così complice di chi è incapace, di chi crede d’aver ricevuto un favore quando invece ha avuto solo ciò che gli spettava, di chi è nato coniglio e non prova a cambiare.
Io non so chi si presenterà sindaco alle prossime amministrative, e neanche con quale lista ‘opposta’, ma il suo primo punto programmatico dovrà essere “Cambiamo noi per cambiare il paese”, altrimenti sarà solo l’ennesimo finto rivoluzionario più falso di una moneta da tre euro.

Pubblicato in Senza categoria | 14 commenti

L’ultimo sussulto

Si dice che una persona prima di morire dia un ‘ultimo sussulto’, e credo che ciò valga anche per la lista “Uniti per Colledara”.
Infatti la loro comunicazione via Facebook era ferma al giorno delle elezioni, per poi dare il già citato ‘ultimo sussulto’ il 20 dicembre con quello che secondo me è un perfetto esempio di come non si deve scrivere un post, sia per il contenuto che soprattutto per i tempi. Infatti se volevano dare un forte segnale di dissenso potevano sedersi fra il pubblico, o pubblicare qualcosa di più sensato proprio mentre c’era il consiglio.
Inoltre come tutti sanno, scrivere un post di buon Natale o buon anno impiega poco più di un minuto, eppure i tre consiglieri di minoranza non hanno trovato questo poco tempo per fare gli auguri ai loro concittadini, dimostrando non tanto poca educazione quanto la loro ‘morte politica’, se mai ce ne fosse stato bisogno. i social sono un buon mezzo di comunicazione se utilizzato abitualmente, non certo ogni 3-4 mesi, magari evitando frasi come “Ma soprattutto senza che ci si sia seduti con la minoranza per discuterne prima di portarlo in consiglio, quasi a mo’ di monarchia questo è il bilancio o vi va bene o ve lo fate andare bene e tanti saluti alla democrazia…”

Personalmente non credo che si debbano dimettere in ‘massa’, se non altro perchè le alternative mi sembrano piuttosto impreparate per prenderne il posto, ma almeno scusarsi coi loro concittadini per essersi così distaccati dalla vita sociale del paese. L’opposizione ha il compito di vigilare, non di minacciare periodicamente denunce, anche perchè sono convinto che se l’amministrazione avesse compiuto atti illeciti, sarebbero già stati chiamati i carabinieri.

Leggo spesso il nome di Mauro come quello del ‘salvatore della patria’, mentre su Facebook è più popolare Gesidio, peccato che il primo sappia un po’ troppo di ritorno al passato, e di ‘vorrei ma non posso’ il secondo. Credo che alle prossime amministrative ci voglia una ‘lista opposta’ dove almeno il candidato sindaco sia una ‘novità’, così come la metà degli aspiranti consiglieri, altrimenti chi si presenta rischierà d’esser asfaltato com’è successo neanche un anno fa a “Uniti per Colledara”.

Pubblicato in Senza categoria | 25 commenti

Autovelox Gennaio 2020

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Era l’anno di grazia 2019

Inutile dire che l’avvenimento più importante sono state le elezioni amministrative, con la dilagante vittoria della lista “Colledara si rinnova”, che per poco non doppiava i voti di “Uniti per Colledara”.
A parte ciò non è cambiato nulla, anzi …
Ad esser stati più attenti già prima delle elezioni s’era capito che il ‘vento del rinnovamento’ era cambiato, infatti all’ultimo consiglio della ‘vecchia amministrazione’ tutti s’era dato addosso ad Angela De Sanctis, e nessuno aveva obbiettato sul congruo contributo dato ai “Maestri della porchetta” per la fiera di Milano, nonostante uno degli slogan di questa giunta fosse stato proprio il voler eliminare questa forma di sovvenzionamento. A questo punto il secondo contributo, che è ovviamente più congruo del primo, toglie del tutto la maschera ai rinnovatori, per consegnar loro quella dei ‘classici politici di paese’, che promettono scuole o terminal delle corriere, e poi trovano sempre una valida motivazione per giustificare il non aver fatto nulla. La loro fortuna è l’inconsistenza dell’opposizione, che è arrivata a disertare un consiglio comunale per poi giustificarsi il giorno seguente, con un post su Facebook al quale non so chi abbia creduto.
Alla minoranza consiglio la lettura della storia di Rosa Parks, una donna che non alzandosi dal proprio posto diede inizio ad una delle più grandi rivolte non violente della storia. Alla maggioranza, qualcosa che troppo spesso viene bistrattata, la nostra costituzione dove non c’è scritto “E’ vietato fare promesse” ma “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.”

E’ successo che adesso si può tranquillamente dire che questo forum non lo legge nessuno.

Lo so la campagna elettorale e i commenti del giorno dopo sono manna dal cielo per qualunque forum di paese, però mai avrei potuto immaginare che si sarebbero fatti questi numeri anche solo per un giorno.

E’ anche cambiato il forum, un po’ per togliere vecchi contenuti, ma anche e soprattutto per ‘festeggiare’ una bella vittoria in tribunale, contro chi è stato anche mal consigliato sul come fare una querela e su quali prove portare. Non è da me portare rancore, e del resto mi è stato insegnato che bisogna almeno provare ad esser superiori a chi mi vuol fare del male, quindi per quello che mi riguarda la ‘spiacevole faccenda’ finisce qui, sempre che qualcuno non voglia tentare il raddoppio. Prima che il fesso di turno ci provi, io parlo solo di sentenze andate in giudicato, per quelle in attesa di giudizio definitivo rivolgetevi ai miei avvocati.

So che puoi sembrare strano dato il mio essere al 99% ateo, ma la morte di Don Domenico è stata per me un triste evento.
Sarà stato il suo non predicar bene e razzolare male, o forse la sua a tratti ‘eccessiva’ tranquillità, ma per quel poco che l’ho conosciuto m’è sembrata una persona di buon senso, e anche una buona forchetta cosa che non guasta mai. Anche se per colpe non suo non viveva in paese, almeno è stato un parroco che guardava alle persone e non ai contributi, e di questi tempi solo questo fatto lo rende quasi eccezionale.

A fine anno è arrivata anche la seconda falsa crisi del prosciuttificio, che in realtà è solo un ‘passaggio di consegne’ a chi senza alcuna opposizione riassumerà chi vuole, quasi sicuramente proponendo condizioni economiche peggiori di quelle precedenti, e magari anche una precarietà quasi totale.
Non credo sempre che “Vox populi vox Dei”, cioè che quel che dice il popolo è vero, ma da prima delle elezioni si parla di assunzioni al prosciuttificio, e se così fosse quest’amministrazione pagherebbe tutta insieme una bella cambiale elettorale, e si spiegherebbero anche i numeri della schiacciante vittoria.

Pubblicato in Senza categoria | 12 commenti

Vorrei fare una precisazione

Come si può leggere dalla delibera di giunta n°140, la Pro-Loco di Ornano ha preso un contributo per la manifestazione “Giornata ecologica – Premio fotografico scatti di luce”. La stessa manifestazione ha anche preso un contributo da B.I.M. e per lo stesso importo per un totale di €1000.00
Ora qualcuno potrebbe dire “Ma tu non sei quello contrario a prescindere a tutti i contributi e poi ne prendi uno quando ti fa comodo”, e per questo vorrei fare un paio di precisazioni.
I due contributi sono serviti al 90% per finanziare l’omaggio delle borracce per i partecipanti, e quindi non coprono neanche tutte le spese fatte per organizzare quella giornata, che sono soprattutto il cibo ed i beveraggi. Come tutti sanno questa manifestazione non ‘vende’ nulla, e quindi non ha entrate, e tutte le spese sono sempre state sostenute dai membri del comitato, senza che ci sia mai stata qualsiasi discussione al riguardo.
Inoltre il comitato è un organo democratico dove vige la regola che decide la maggioranza, ed è quasi inutile dire che io ero la ‘singola minoranza’ forse fin troppo silenziosa. Non ho voluto però tirarmi indietro, e non perchè mi reputi insostituibile, ma per portare avanti un paio d’idee, fra le quali i premi a ‘tema’. In ogni caso questo è stato l’ultimo anno in cui partecipo come ‘membro del comitato’, proprio per evitare future discussioni col cretino di turno.

Detto ciò ecco l’elenco dei contributi deliberati :
Pro-Loco di Ornano € 3440.00 per
“I colori della befana”
“Carnival party”
“Scatti di luce – giornata ecologica”

ANVVFC € 700.00 per
Servizio anticendio e Safety per sagra della porchetta

Pro-Loco di Villa Petto e 1500.00 per
Manifestazione religiosa in onore di San Rocco
Finale regionale campionato cani & sport – gare sul ring con cani da tartufo

Il ponte e la torre € 500.00 per
Manifestazioni anno scolastico 2019/20

Associazione circolo bocciofilo comunale € 790.00 per
Spese di riaffiliazione

I maestri della porchetta € 7700.00 per
Partecipazione alla fiera denominata “L’artigianato in fiera” di Milano

Circolo culturale Ornano Grande € 800.00 per
15a Sagra della frittella
San Martino ornanese 2019

Alba di Pittina € 1300.00
Sagra dell’arrosticino

Pubblicato in Senza categoria | 6 commenti

E Buon Natale sia !

Immagine | Pubblicato il di | 11 commenti

Benvenuti in Bulgaria

Una volta si parlava di ‘percentuali bulgare’ quando il consenso sfiorava il 100%, e questo perchè essendoci solo un partito, il dissenso era di fatto inesistente, ma non si voleva l’unanimità per dare l’impressione che ci fosse una vera democrazia.
Ieri sera nell’ultimo consiglio comunale dell’anno s’è andato oltre il consenso bulgaro, e questo perchè tutti e tre i consiglieri di minoranza erano assenti, nonostante so che ci sono stati diversi tentativi di rintracciarli per avere almeno uno straccio di giustificazione. E’ ovvio che in una situazione del genere un consiglio può fin troppo facilmente trasformarsi in una commedia comica, col sindaco che spiega agli ‘spettatori’ quel che stanno deliberando, senza che però si possa intervenire se non a consiglio chiuso nel question time.
A parer mio la lista “Uniti per Colledara” ha di fatto cessato la sua funzione e quindi la sua stessa esistenza, magari vedremo nuovamente il terzetto anche se, e questa è sempre una mio opinione, svilito della sua funzione di reale opposizione. Ruolo che oramai appartiene al pubblico che quand’è il caso, pone domande anche scomode per esempio sulle discariche abusive o sulla raccolta delle potature.
Credo sia del tutto inutile fare un racconto del consiglio di ieri sera, il sindaco anche per educazione verso i presenti, ha presentato brevemente i singoli punti all’ordine del giorno, che sono stati votati all’unanimità e resi subito esecutivi in tempi record, ma come già detto non per colpa loro.
Mi verrebbe quasi da dire che è una fortuna che i consigli comunali non siano più ripresi e messi in rete, visto per ‘spettacolo’ di ieri sera, e mi resta solo da sperare che nasca presto una nuova lista civica che si presenti alle prossime amministrative, ma solo se non presenta solo ‘facce vecchie’ o ancor peggio.

Pubblicato in Senza categoria | 24 commenti